• I viaggi dell'uomo

    I viaggi dell'uomo

    Concorso fotografico Conoscere per includere

La fotografia è la vostra passione? 
Per voi c’è il concorso per fotografi professionisti o appassionati della fotografia “Conoscere per includere”. Il concorso è aperto a tutti, senza distinzione alcuna. Le iscrizioni sono aperte fino al 28 novembre 2021.Di seguito tutte le informazioni utili per partecipare. 

Il concorso
Il concorso è alla prima edizione; si tratta di un concorso promosso dalla rivista internazionale Terre & Culture e dall’associazione culturale Artemozioni, il cui oggetto è l’inclusione sociale. I partecipanti dovranno esprimere, nei loro scatti, il proprio concetto di inclusione in questa particolare contingenza storica, secondo la propria visione, creatività e sensibilità.

Il contest 
Il concorso si inserisce nella più ampia cornice del meeting culturale dal titolo “I VIAGGI DELL’UOMO”, che pone come obiettivi primari la maturazione umana, civile e sociale della persona, il pieno rispetto delle diversità culturali, etniche e religiose e il contrasto ad ogni forma di discriminazione. Un racconto collettivo del nostro essere umani, dove sarà protagonista la condivisione delle emozioni attraverso l’immagine, l’inclusione attraverso la conoscenza e la condivisione di nuove modalità partecipative. 

I destinatari 
Il concorso si rivolge sia ai fotografi professionisti che agli appassionati della fotografia, che con la propria macchina riescono ad immortalare la magia dei contesti. La partecipazione è libera e non soggetta a distinzioni di genere, età, residenza o nazionalità. I partecipanti devono essere gli autori delle foto inviate e possederne ogni diritto di riproduzione. È responsabilità dei partecipanti assicurarsi che la pubblicazione delle foto inviate non sollevi alcun tipo di controversia legale e non lesiva di altrui diritti. Partecipando al concorso gli autori concedono il diritto di pubblicazione su tutte le immagini, a titolo gratuito, alla In.edit edizioni / Terre&Culture, sia in lingua italiana che in altre lingue, per gli stampati inerenti la mostra, per la premiazione, sul sito internet, su supporti informatici e a stampa, per esposizioni promozionali del concorso stesso nonché in occasione di mostre o eventi nazionali e internazionali promossi dalla In.edit edizioni / Terre&Culture, con l’unico onere/obbligo di citare ogni volta l’autore delle fotografie. 
Si precisa che ogni progetto frutto del lavoro di più fotografi deve essere presentato previo accordo fra tutte le parti interessate ed essere accompagnato da una dichiarazione firmata da ciascuna delle parti. 

Caratteristiche delle opere 
Cosa significa “inclusione” in questo particolare momento storico? 
Questa è la domanda alla quale sono chiamati a rispondere i fotografi che intendono partecipare al concorso. Questo, quindi, il soggetto da documentare nei loro scatti. 
L’immagine dovrà essere in formato file .JPEG o .PNG, con un minimo di 1200 pixel sul lato più lungo e non eccedere i 10 MB. Inoltre, ogni foto dovrà essere accompagnata da una breve presentazione in formato WORD. 
I concorrenti possono presentare fino a un massimo di 5 progetti fotografici (foto più presentazione). 

Selezione 
I progetti fotografici saranno valutati in funzione del messaggio espresso, della tecnica fotografica utilizzata e del grado di pertinenza con l’oggetto del concorso. La giuria sarà composta da fotografi professionisti, uno psicologo esperto del settore dell’inclusione sociale, un delegato della In.edit edizioni sas e un delegato dell’associazione Artemozioni. Il presidente della giuria sarà il dott. Claudio Franzoni, editore della rivista Terre & Culture. 

Premiazione 
Gli elaborati che saranno selezionati per la fase finale del concorso, saranno inseriti in un catalogo relativo al concorso ed esposti in una mostra temporanea presso Palazzo Ducale a Martina Franca; gli autori finalisti saranno invitati a prendere parte al meeting culturale dal titolo “I VIAGGI DELL’UOMO” domenica 5 dicembre 2021, ore 18:00, presso la biblioteca di Palazzo Ducale, nel corso del quale si darà luogo alla cerimonia di premiazione del vincitore del concorso. 
I finalisti potranno prendere parte alla conferenza stampa di sabato 4 dicembre, alle ore 10:00, presso la Sala degli Uccelli di Palazzo Ducale. 

Premi 
I finalisti del concorso fotografico riceveranno una pergamena e le loro opere saranno esposte a Palazzo Ducale in una mostra temporanea dedicata. Il vincitore del concorso otterrà la pubblicazione dell’opera sulla rivista Terre & Culture. 

Partecipazione 
Gli interessati al concorso fotografico possono iscriversi entro il 28 novembre 2021, inviando il progetto fotografico all’indirizzo e-mail  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 
Ogni progetto fotografico dovrà essere spedito con un'unica e-mail (anche tramite Wetransfer).
Ad ogni e-mail deve essere associato un solo progetto fotografico. L’autore che vuole proporre più progetti (massimo cinque), dovrà inviare una e-mail per ognuno di essi. Ogni progetto dovrà avere un titolo e una presentazione in formato WORD, che non ecceda i 4000 caratteri spazi inclusi, che illustri il lavoro svolto.
Essere accompagnato da una breve biografia dell’autore (No curriculum vitae).
Il concorso è libero e gratuito. Buon divertimento

Il Comitato organizzativo

I vincitori

Connected with us for latest update
PRIMO CLASSIFICATO

Cani guida: questi meravigliosi nostri compagni di vita e di libertà

UICI - Sezione di Taranto
Se si pensano ai valori di fedeltà e affidabilità non si può non considerare l'abilità in tal senso indiscussa di un essere vivente come il cane. E a lui che affidiamo l'inclusione sociale di persone a cui è negata la piena percezione visiva. È proprio attraverso questi animali che l'ipovedente riesce ad avvertire. Sensazioni intense vengono trasmesse attraverso una sorta di filtro sensibile che unisce due anime: quella dell'uomo e quella del cane. Chi può dire che un animale non abbia in fondo un'anima?
SECONDO CLASSIFICATO

Ricongiungimento

Jean Paul Stanisci

Il concetto di inclusione parte da noi stessi e da come riusciamo, in un percorso di maturazione interiore, a prendere coscienza e ad accettarci attraverso le nostre fragilità, i nostri timori, le nostre incertezze. La protagonista dello scatto si osserva in un progressivo e non facile percorso di autoanalisi per andare oltre, fino a raggiungere il sentimento di autostima. Lo sguardo introspettivo della donna è eloquente in tal senso.

TERZO CLASSIFICATO

Esserci

Maria Teresa Macripò

Una mappa concettuale trascritta sulla lavagna ad indicare percorsi religiosi apparentemente diversi, ma uniti da un unico principio: il rispetto e l'accettazione delle molteplici forme di fede. Questa la teoria. Nella pratica due ragazzi pronti ad includersi reciprocamente in un contesto scolastico attraverso gesti spontanei e incisivi, insegnano il senso della vita.