Menu

Editoriale

Emozionarsi in compagnia dei cetacei

Claudio Venturelli

Emozionarsi in compagnia dei cetacei

Osservare le balene e gli altri grandi mammiferi marini presenti è certamente una delle esperienze che di più lasciano il loro indelebile se...

Leggi tutto

Gennaio/Marzo

Una lunga battaglia

Una lunga battaglia

TerraNews / Claudio Franzoni

Da Milano al Messico, da Los Angeles a Città del Capo. Insieme In questa nota vorrei ricordare due avvenimenti che sono passati praticamente in sordina, e che sono gli ultimi due C40, ossia la riunione de...

Territorio e territorialità

Territorio e territorialità

Il Pennino / Claudio Franzoni

Le diversità del nostro bagaglio culturale

Dino Campana

Dino Campana

Terre d'autore / A cura della redazione

La storia del genio di Marradi, autore de I Canti Orfici

Approfondimenti

Al di là del Ponte Vecchio

itinerari / di gabriele galanti e lorenzo franzoni

Al di là del Ponte Vecchio

n leone campeggia in Piazza della Libertà. Sguardo solenne, ali tese nell’atto di sorreggere un libro aperto. Un ricordo dei tempi d’oro della dominazione della Repubblica veneziana che fortunatamente scampò alla serie di barbarie perpetrate dai Francesi durante le campagne d’Italia di Napoleone. Una scena già vista, quella dei vinti e dei vincitori. Giunto infatti a Venezia con le sue truppe, ordinò che tutti i leoni scolpiti della città fossero rimossi. A tale scopo assunse vari scalpellini che deturparono il fiero simbolo di forza e saggio v...

Marradi: immagini e parole

itinerari / di Lorenzo Franzoni

Marradi: immagini e parole

Una cupola rossa si innalza sopra i tetti di questo piccolo borgo inghiottito dalle montagne e dai castagneti. Sono i mattoni rossi a vista della torre dell'orologio di Marradi che andarono a sostituire, nel dopoguerra, il suo volto originariamente dipinto di rosso. È lo stesso ammirato da Dino Campana all'inizio del secolo scorso,  'folle' e visionario poeta che non mancò mai di evocare caramente nei suoi scritti le forme e le immagini della sua terra natia, insieme alle rovine di quel castello, oggi restaurato, “più alto e più lontano” che si...

Crespi d'Adda

itinerari / di Antonio Olivieri

Crespi d'Adda

La fabbrica: quando questa entità, prima del tutto sconosciuta, fece la sua comparsa sul territorio dovette apparire come qualcosa di mostruoso e spaventoso, con le sue ruote giganti, le sue macchine infernali capaci di stritolare un uomo in pochi secondi e con le sue caldaie capaci di sputare tanto fuoco quanto un vulcano in eruzione.Ma fu assai chiaro a tutti che la nascita della fabbrica avrebbe portato con sé uno sconvolgimento anche nella vita delle persone e nell'assetto del territorio ad essa circostante. Mai in precedenza, infatti, era ...